lunedì 24 giugno 2019

Sì. Ne sentivamo la mancanza!



A dire il vero non è una notizia bomba. Da diversi anni vengono pubblicate guide per indirizzare i consumatori di questi vini. Ne registriamo una nuova edizione aggiornata.




Nasce la Guida Vini Bio per valorizzare le scelte "green" del mondo enologico italiano

E’ un mondo difficile quello del biologico. Ancora di più alla luce dei cambiamenti climatici. Le motivazioni sono diverse: il bio è una scelta consapevole, che non si improvvisa, ma spinge a guardare oltre, a conoscere e ad approfondire.

A chi produce, conduce a lottare ogni giorno per garantire un prodotto di qualità organolettiche, nutrizionali, salutistiche, igieniche e, non meno importanti, etiche e sociali. 
Nel settore enologico, si tratta di credere o meno che l’uomo possa unire in un vino la qualità (in termini di produzione), l’ambiente e le risorse naturali, preservando la fertilità dei suoli e dando valore al lavoro dell’agricoltura.  

A questo proposito, il progetto di Guida Vini Bio nasce come una sfida, sempre più importante, declinata in due tempi, il presente e il futuro. In questo fragente, si vuole analizzare, sviscerare – possiamo dire anche “provocare” – e raccontare questo mondo, i  prodotti, le persone e tutto il “movimento bio” che è costantemente in crescita. 

Alzando un calice ecosostenibile per cogliere le sfumature, la bellezza, la gioia del bere “green”, si vuole garantire la conoscenza dei prodotti certificati biologici, con un facile accessibilità, a tutti gli utenti, creando uno spazio dedicato a tutti i produttori che, scegliendo il sistema di coltivazione agricola biologica, aiutano anche a ridurre l'impatto dell'azienda sull'ambiente.

L’ardua impresa prende vita da Andrea Giuliano, Antonio Stanzione e Annacarla Tredici, “tre eno-amici” – così si definiscono –, che orbitano nel settore vitivinicolo da diversi anni, abbracciando ognuno aspetti anche diversi di questo affascinante mondo enoico. 

Il loro pensiero è semplice: “Al di là del trend che accompagna questa corrente, oggi una Guida Vini Bio può fornire una reale tracciabilità di quelle che sono le azioni che l’uomo-produttore si adopera a fare nel settore vitivinicolo. Ma prima ancora del fare, di cosa sceglie di portare in bottiglia, come interpreta la viticoltura moderna, di quanto sia sempre più importante non solo la salubrità del vino, ma del paesaggio e dell’aria che respira”.

Il volume è una guida di vini e di storie enologiche dedicata esclusivamente ai prodotti biologici di aziende vitivinicole in possesso di certificazione biologica (o con certificato di conversione). Il lavoro si divide principalmente in quattro sezioni: una Top 100 di migliori aziende vitivinicole certificate Bio d’Italia; una Top 20 di migliori aziende biologiche ad impatto zero (Bioedilizia); una Top 20 di miglior packaging da Design Bio; una sezione dedicate alle migliori Bolle Bio. 

Fonte e testo: Cronache di Gusto




sabato 22 giugno 2019

Una notizia "frizzante"







Che movimenti in Champagne: 
Nicolas Feuillatte acquisisce la Maison Henri Abelé

Champagne Nicolas Feuillatte (CV-CNF) ha annunciato l'acquisizione dell'antica casa di Champagne Henri Abelé, parte del Gruppo Freixenetdal 1985.

L'annuncio è stato fatto dopo diverse settimane di negoziati esclusivi, conclusi con la firma di un memorandum d'intesa a Parigi. 
Le parti non hanno voluto comunicare le condizioni finanziarie della transazione. 
La Maison Henri Abelé, che risale al 1757 ed è quindi una delle più antiche e rare Case di Champagne, non possiede vigneti di proprietà, ma ha instaurato relazioni di lungo termine con viticoltori della montagne de Reims e della Côte des Blancs. 

Champagne Henri Abelé vende circa 300.000 bottiglie esclusivamente attraverso canali specializzati e tradizionali, oltre a essere il fornitore ufficiale delle corti reali d'Europa e delle più prestigiose istituzioni di tutto il mondo (tra cui il Palazzo dell'Eliseo, la residenza del Presidente francese, l'Unesco e il Senato francese).

La Maison Nicolas Feuillatte (Cooperativa) è la numero 1 in Francia e numero 3 al mondo

"La scelta di acquisire questa perla, parte dell'heritage vinicolo locale, apre un nuovo capitolo per lo Champagne Nicolas Feuillatte e per la storia della denominazione - si legge in una nota firmata da Christophe Juarez, ceo di CV-CNF - Un nuovo modello di sviluppo complementare ai canali di distribuzione sempre desiderosi di offrire prodotti esclusivi ad alto valore aggiunto. 
La nostra visione si basa su una prospettiva a lungo termine e crediamo che questa acquisizione darà nuovo slancio al nostro modello di business".

In poche parole si tratta di acquisire una importante e storica "etichetta" e commercializzare perlage di alto livello. Chapeau!

Testo e Fonte: Cronache di Gusto

La cooperative Feuillatte







giovedì 20 giugno 2019

Save the Date: i consigli dell'Eretico del Vino per passare il mese di luglio "alla meglio"!






SAVE the DATE
I Banchi d’Assaggio di LUGLIO

Ecco programmati I due Banchi particolari, istruttivi, unici (credo che in pochi abbiano effettuato degustazioni così mirate).

Ritornano i “magnifici estivi”.

Le date, considerando i numerosi impegni di questo mese, sono:

Mecoledì 3 luglio     “perlage, perlage, perlage” serata frizzante al bagno Doge

Sei (6) bottiglie di champagne messe “sotto esame sensoriale”.
---------------------------------------------------------------

Mercoledì 17 luglio      “Ostriche a go-go”.   Al Bagno Doge. Bivalve a volontà con vini in abbinamento “bendati”. La formula estiva di Vino una passione.


Chi vuole può già prenotare.  

Da non dimenticare la serata all’Osteria Le Terme programmata per la sera del 19 luglio: bianchi autoctoni italiani.

E poi le tre “bombe dell’estate 2019”

Solo per pochi. “Notti Magiche” al Ristorante Acquasalata nei giorni 1 - 16 - 29.

Champagne incredibili: verticale di una particolare  Maison, l’assaggio di etichette illustri, annate storiche irripetibili.



E nel mese di Agosto…

Da una ricerca di Signorvino: BIO avanti tutta.




Vi siete mai chiesti perché c’è la corsa alla certificazione biologica, alla produzione di spumanti e rosé con uva qualsiasi che è nei campi?
Leggete le statistiche e avrete le risposte.




IL 25% DEI CLIENTI CHIEDE VINO BIO
PER PRIMI BOLLICINE E ROSATI

L’IDENTIKIT DEL CONSUMATORE DI VINO BIO
ED I TREND DI VENDITA


I vini BIO: una moda che rischia di subire virate improvvise o una tendenza sempre più consolidata di un consumatore attento ed informato?
Con la ricerca dedicata ai vini BIO Signorvino con questa nuova “pillola di vino” comunica al settore i risultati di un’analisi svolta direttamente monitorando il consumatore finale osservato nei 16 punti vendita in tutta Italia.

Sono in netto aumento i clienti che entrano in negozio e chiedono specificatamente informazioni sui vini BIO: sono circa il 25%, mentre l’altro 75% che entra con l’intenzione di acquistare vino si lascia “convertire” alla scelta del vino BIO soltanto se consigliato e sensibilizzato dal personale che si dimostra quindi sempre più determinante sulle scelte del consumatore. Si nota con frequenza che il consumatore entra in enoteca avendo in mente una tipologia di vino e soltanto raramente un’etichetta o brand e si lascia guidare dagli esperti, dimostrando un’elevata apertura mentale.

La FASCIA DI ETÀ dei clienti che ricercano e acquistano i vini BIO è tra i 30-45 anni per le DONNE e 35-55 per gli UOMINI. Anche in merito al comportamento legato alla fase della scelta emergono alcune differenze: le DONNE in genere limitano molto la scelta al prezzo, colte per un 20% da scetticismo nei confronti del prodotto BIO. Il 30% di loro, però, sceglie in base ai tecnicismi del prodotto alla ricerca di percentuali di residui e solfiti inferiori, e ben il 50% sono guidate dalla tendenza “moda” della categoria.
Gli UOMINI sono molto curiosi di imparare e non ricercano etichette specifiche, anche se talvolta dimostrano di conoscere i grandi produttori del BIO.

A livello di CATEGORIA le incidenze maggiori di venduto vini BIO si registrano sulla categoria BOLLICINE; seguono in ordine i ROSATI, i VINI BIANCHI e, in ultimo con apporto residuale, i VINI ROSSI.
Lo studio ha portato all’identificazione di un prezzo medio per bottiglia del venduto in riferimento al BIO di 17,04: con un assortimento del 25% di vini con filiera sostenibile, i vini BIO rappresentano il 7%; in merito al venduto invece i vini BIO scelti sono un 5% sul (25% di vini con filiera sostenibile.)

Il contesto
La ricerca è stata svolta grazie ad un’osservazione diretta degli store manager in tutti i punti vendita di Signorvino con l’intento di poter elaborare alcuni dati come unico soggetto in grado di monitorare le scelte del consumatore finale che si trova a compiere un acquisto fra circa 1500 etichette in ogni negozio. Sono infatti 3.000 le referenze acquistate fino ad oggi dalla catena e 1790 quelle disponibili nel 2018, per un totale di circa 900.000 bottiglie acquistate ogni anno.

Fonte e Testo:  Studio Mazzuoli


mercoledì 19 giugno 2019

Alsazia, la prossima meta






Chi è interessato ad un viaggio in Alsazia?
Avrei individuato questi giorni: dal 21 (domenica) al 24 (mercoledì). Quattro giorni, tre notti.
5 visite aziendali alla scoperta di quel territorio già decantato da Luigi XIV, il Re Sole: l’Alsace…quel beau jardin”.

Terra che ha dovuto subire diverse guerre per motivi di frontiera. Si trova ad avere come linea di demarcazione il corso del fiume Reno. Negli ultimi 150 anni ha cambiato 4 volte la nazionalità; oggi definitivamente territorio francese ha una certa autonomia per la maggioranza etnica tedesca. Possiamo dire la Regione tedesca molto francese e/o la Regione francese con tradizioni tedesche.
A noi interessano il territorio, i vigneti, il vino.
La viticoltura è sempre stata influenzata dalla sua posizione. Coperta ad ovest dalla catena dei Monti Vosgi che proteggono le vigne dai venti salmastrosi occidentali è “scoperta” ad est da dove, i gelidi venti siberiani la investono sempre e comunque. I vitigni che hanno resistito nei secoli? I bianchi Riesling, Gewurztraminer, Muller-Thurgau, Pinot Blanc e Gris, Sylvaner, Tokaj. E i rossi? Solo il Pinot Noir che rappresenta solo il 10% della produzione totale.
Quanto è lunga l’Alsazia? Solo 97 Km. Larga? Pochissimo, solo 4 Km. C’è una strada regionale (la strada del vino) che, partendo da Mulhouse (a sud) arriva a Strasburgo (a nord).
Noi la percorreremo in lungo e largo fermandoci in quei piccoli paesi dove l’economia è data dai grappoli d’uva.
E della Confrérie de Sain-Etienne ne vogliamo parlare?

Come sempre viaggio in MiniVan da 9 posti.
Costo del viaggio (sempre autogestito): cerco di contenerlo in € 390,00 comprensivo di 3 pernottamenti in camera uso singolo, noleggio minivan, autostrade, trafori, carburante. Non sono compresi i pasti.
Cominciamo a contarci, senza impegno e versamento di acconti. Ne riparleremo dopo  il 25 giugno con le conferme e versamento acconto.
Seguiranno nuove info.

Ricordo tour in Abruzzo fine Agosto (due giorni 26/27), in Umbria a Settembre il 16/17 ed infine…
Champagne:           dal 6 al 10 ottobre (già iniziate le prenotazioni)
Champagne:           dal 13 al 17 ottobre (già iniziate le prenotazioni)

martedì 18 giugno 2019

Tutto cambiato


Cambiata nuovamente la data e il tema del secondo Banco d'Assaggio del mese di giugno: Mercoledì 26 giugno

Non più vini “rossi” ma “bianchi”.



"VINO...UNA PASSIONE" - Fratellanza Enoica, ovvero
“ l’Officina sensoriale in movimento”

Vivere vere emozioni

Ristorante Europa
e
“VINO…una PASSIONE-Fratellanza Enoica
ovvero
“ l’Officina sensoriale in movimento”
Il Vino non si beve soltanto, si annusa, si osserva, si gusta, si sorseggia e…
se ne parla (anonimo)

Un Banco d’Assaggio “di bianchi”


“Sei bianchi per sei territori”


Sei (6) bottiglie provenienti da…nazioni e regioni diverse. A noi identificare i contenuti e la provenienza.

Mercoledì 26 giugno 2019


Posso solo anticipare che saranno bottiglie “esclusive” che assaggeremo alla “cieca”.


Il costo, considerando le tipologie delle bottiglie (!!!) è molto, molto, molto contenuto:

solo € 40.00

Mercoledì 26 giugno alle ore 20,45  presso Ristorante Europa a Lido di Camaiore.


Franca ci  preparerà per noi un “primo” a sorpresa in tema, un dessert e caffè.


Confermate la Vostra presenza prima possibile su cellulare 335 5717580, Messanger,  WatsApp (Urano Cupisti)

Grazie e a presto
Urano

P.S. partecipare alla cena non è obbligatorio. Chi non vuol rimanere e limita la partecipazione alla sola degustazione il costo è € 30,00.


I Banchi successivi del mese di luglio saranno “bombe nella notte”.



lunedì 17 giugno 2019

Percorso interattivo e multimediale a Priocca, Roero.






È il momento. Come si suol dire:” fioriscono come funghi”. 
Percorsi interattivi ad iosa. Significa che sono richiesti. 

Ed allora, amici ( come direbbe il noto presentatore) non fatevi scappare l’occasione!

Aperto a Priocca, l’avveniristico percorso interattivo ed esperienziale sulla cultura del vino. Produttori, giornalisti e operatori di fama internazionale a confronto sul tema della “bellezza oltre il gusto”

Oltre 1000 visitatori, tra wine-lovers, operatori del settore, giornalisti e molti curiosi, hanno “battezzato” Wine Experience by Mondodelvino l’avveniristico percorso interattivo ed esperienziale di cultura del vino inaugurato oggi nelle cantine del gruppo vinicolo a Priocca.

Nel cuore di una delle aree vinicole piemontesi più famose al mondo, il Roero, riconosciuto dall’Unesco “Patrimonio dell’Umanità”, hanno “battezzato” una originale installazione multimediale, studiata per guidare il consumatore alla scoperta del complesso e affascinante universo del vino attraverso i cinque sensi con una full immersion tra storia, territori, vitigni, tecniche produttive, profumi, sapori e abbinamenti.

La Bellezza che, nella sue varie declinazioni dall’arte al turismo, dalla cucina al paesaggio, dalla letteratura alla comunicazione, dal vino ai territori è stato il tema del wine talk intitolato “Il valore della bellezza oltre il gusto” dedicato ad una riflessione sul “bello oltre il buono”, coordinato da Federico Quaranta, conduttore radiofonico e televisivo. Dalle prenotazioni, si annuncia un gran successo.

Wine Experience by Mondodelvino