venerdì 15 novembre 2019

Il Banco del 13 riproposto il 19 novembre

Banco del 19 novembre


Il primo dei due Banchi d'Assaggio programmati nel mese di Novembre:




Esistono i Bianchi d’Autunno?



Martedì 19 novembre:

  “Bianchi d’Autunno”.

Sei (6) bottiglie provenienti da diverse enclave con gradevoli sorprese nelle vinificazioni adatte ad accompagnare i piatti tipicamente autunnali!!!



"VINO...UNA PASSIONE" Fratellanza Enoicaovvero
“ l’Officina sensoriale in movimento”

Vivere vere emozioni
Ristorante Europa
e
“VINO…una PASSIONE-Fratellanza Enoica
ovvero
“ l’Officina sensoriale in movimento”
Il Vino non si beve soltanto, si annusa, si osserva, si gusta, si sorseggia e…
se ne parla (anonimo)

Banchi d’Assaggio di

“VINO…una PASSIONE”

È tempo di scoprire i
“Bianchi d’Autunno”

Mentre fuori l’autunno si farà sentire noi apprezzeremo vini che sfidano il tempo.

Martedì 19 novembre 2019

La provenienza? Le varie zone? Le tecniche di cantina? Tutte da scoprire
Posso solo anticipare che saranno di grande spessore, “esclusive” ed adatte agli abbinamenti autunnali.

Assolutamente alla cieca!!!

Il costo, considerando le tipologie delle bottiglie (!!!)e i piatti che verranno serviti, è molto, molto, molto contenuto:
solo € 45.00

Martedì 19 novembre alle ore 20,45  presso Ristorante Europa, lungomare Europa 106, per vivere una serata Molto diversa.

Lo staff del ristorante  preparerà per noi un “primo” a sorpresa, un dessert e caffè.

Confermate la Vostra presenza prima possibile su cellulare 335 5717580, Messanger,  WatsApp (Urano Cupisti)

Grazie e a presto
Urano


P.S. partecipare alla cena non è obbligatorio. Chi non vuol rimanere e limita la partecipazione alla sola degustazione il costo è € 35,00.

giovedì 14 novembre 2019

Ci risiamo:"Archi e Frecce nel Chianti"



Archi e frecce nel Chianti

Il Presidente Consorzio Chianti Aldo Busi

La confusione regna sovrana nel Chianti. Nel tentativo di riportare questo nome agli splendori antichi ci si divide, ognuno rivendicando il diritto a rappresentare il Chianti con la C maiuscola, a delimitarne i confini senza tener conto del povero utente finale che…non ci capisce più nulla.

Già è stato difficile digerire la Gran Selezione quando uscì nel 2014 ad opera del Consorzio Chianti Classico. A seguire il nome Chianti in “cinese”, l’utilizzo di zuccheri ed ora nasce il Chianti, non il Classico Gallo Nero ma l’altro  Consorzio Chianti, con il Chianti “Gran Selezione”.

“ Qualità e semplificazione le parole d’ordine della revisione”. 
Parole del Presidente Aldo Busi.

Inevitabile la reazione del Consorzio Chianti Classico “Gallo Nero”.

“Increduli nel credere a questo progetto di modifica al disciplinare di produzione perché volto ad una strategia di gestione a nostro parere non costruttiva e assolutamente priva di idee innovative ed originali di cui invece c’è sempre grande necessità”
Parole del Presidente Giovanni Manetti. 

E qui si apre anche una possibilità di ricorso legale perché la Gran Selezione “è presente sul mercato dal 2014 ed è unicamente una tipologia di Chianti Classico ideata dal lavoro esclusivo del Consorzio Vino Chianti Classico.

Avanti miei prodi si torna alla sfida lancia in testa fra il Cavaliere Bianco e quello Nero di cinquecentesca memoria. È tornato il tempo degli Archi e delle Frecce. Mi domando: “ma è mai sopito?”
La “confusione continua….”








martedì 5 novembre 2019

Banco del 19 novembre

Il primo dei due Banchi d'Assaggio programmati nel mese di Novembre:




Esistono i Bianchi d’Autunno?




Martedì 19 novembre:

  “Bianchi d’Autunno”.

Sei (6) bottiglie provenienti da diverse enclave con gradevoli sorprese nelle vinificazioni adatte ad accompagnare i piatti tipicamente autunnali!!!



"VINO...UNA PASSIONE" - Fratellanza Enoica, ovvero
“ l’Officina sensoriale in movimento”

Vivere vere emozioni
Ristorante Europa
e
“VINO…una PASSIONE-Fratellanza Enoica
ovvero
“ l’Officina sensoriale in movimento”
Il Vino non si beve soltanto, si annusa, si osserva, si gusta, si sorseggia e…
se ne parla (anonimo)

Banchi d’Assaggio di

“VINO…una PASSIONE”

È tempo di scoprire i
“Bianchi d’Autunno”

Mentre fuori l’autunno si farà sentire noi apprezzeremo vini che sfidano il tempo.

Martedì 19 novembre 2019

La provenienza? Le varie zone? Le tecniche di cantina? Tutte da scoprire
Posso solo anticipare che saranno di grande spessore, “esclusive” ed adatte agli abbinamenti autunnali.

Assolutamente alla cieca!!!

Il costo, considerando le tipologie delle bottiglie (!!!)e i piatti che verranno serviti, è molto, molto, molto contenuto:
solo € 45.00

Martedì 19 novembre alle ore 20,45  presso Ristorante Europa, lungomare Europa 106, per vivere una serata Molto diversa.

Lo staff del ristorante  preparerà per noi un “primo” a sorpresa, un dessert e caffè.

Confermate la Vostra presenza prima possibile su cellulare 335 5717580, Messanger,  WatsApp (Urano Cupisti)

Grazie e a presto
Urano


P.S. partecipare alla cena non è obbligatorio. Chi non vuol rimanere e limita la partecipazione alla sola degustazione il costo è € 35,00.




Parliamo di Novello il vino che non è vino!



E come tutti gli anni arriva il Vino Novello tanto amato, bevuto con le castagne. Una vera “bomba” che i nostri stomachi attendono 365 giorni!



Vogliamo battere i cugini francesi anche in questo. Loro cercano di liberare il territorio vinicolo del Beaujolais da questo marchio di fabbrica che è diventato “pesante”, cercando di riportare il Gamay ai fasti di una volta (Château Moulin à Vént  docet), mentre noi, senza alcuna identità di vitigno, insistiamo in questo “aborto” che continuiamo a chiama vino.

Non parlo mai male di un vino; del Novello sì perché per il sottoscritto non è un vino!

Primo week end dell'anno con il vino novello made in Italy: sulle tavole degli italiani sono in arrivo circa 2 milioni di bottiglie delle vendemmia 2019.

Lo rende noto la Coldiretti nel sottolineare che il permesso alla vendita è scattato il 30 ottobre, secondo quanto previsto dalla normativa nazionale.

Il "dèblocage" in Italia è anticipato di tre settimane rispetto al concorrente Beaujolais nouveau francese che si potrà invece assaggiare solo a partire dal terzo giovedì del mese di novembre (quest'anno il 21 di novembre).  

"Il vino novello - ricorda l'associazione - viene consumato soprattutto in abbinamento con i prodotti autunnali come le caldarroste che quest'anno fanno registrare un raccolto in calo del 30% rispetto allo scorso anno a causa dell'andamento climatico avverso e dell'attacco degli insetti alieni, per una produzione nazionale inferiore ai 25 milioni di chili secondo la Coldiretti". Leggero e con bouquet aromatico il "vino da bere giovane" deve le sue caratteristiche al metodo di vinificazione utilizzato messo a punto dal ricercatore francese Flanzy ed è fondato sulla fermentazione carbonica di grappoli integri di uve che vengono poi spremute a distanza di una decina di giorni per un vino delicato che di solito si attesta sugli 11 gradi, ma che può raggiungere anche i 12.

La produzione del vino novello in Italia è iniziata verso la metà degli anni '70, dopo che in Francia, considerata la madre dei novelli, i vignaioli francesi della zona di produzione del Beaoujolais, alle prese con una stasi di mercato, misero sul mercato il Beaoujolais nouveau, per rivalorizzare il loro vino prodotto con uve Gamay meno pregiate della Borgogna meridionale. Il vino novello made in Italy basato invece su uve Dop e Igp ha registrato lungo la penisola una rapida espansione toccando il picco di 17 milioni di bottiglie dieci anni fa per poi scendere progressivamente sino ai circa 2 milioni attuali. All'origine del calo di produzione "una serie di fattori, a partire dalla limitata conservabilità, che ne consiglia il consumo nell'arco dei prossimi 6 mesi fino alla tecnica di produzione, la macerazione carbonica, che è più costosa di circa il 20% rispetto a quelle tradizionali. Ma soprattutto gli stessi vitigni che negli anni passati rappresentavano la base del novello vengono oggi spesso utilizzati per produrre vini ugualmente giovani, ideali per gli aperitivi, ma che non presentano problemi di durata". La tradizione vuole che l'apertura del vino novello si festeggi a San Martino l'11 novembre, giorno in cui da sempre i contadini chiudono e fanno il bilancio di un anno di lavoro.

Testo in parte mio e in parte di Cronache del Gusto che ne è anche la Fonte.



giovedì 31 ottobre 2019

Esistono i Bianchi d'Autunno?




Esistono i Bianchi d’Autunno?


Mecoledì 13 novembre:
  “Bianchi d’Autunno”.

Sei (6) bottiglie provenienti da diverse enclave con gradevoli sorprese nelle vinificazioni adatte ad accompagnare i piatti tipicamente autunnali!!!



"VINO...UNA PASSIONE" - Fratellanza Enoica, ovvero
“ l’Officina sensoriale in movimento”

Vivere vere emozioni
Ristorante Europa
e
“VINO…una PASSIONE-Fratellanza Enoica
ovvero
“ l’Officina sensoriale in movimento”
Il Vino non si beve soltanto, si annusa, si osserva, si gusta, si sorseggia e…
se ne parla (anonimo)

Banchi d’Assaggio di

“VINO…una PASSIONE”

È tempo di scoprire i
“Bianchi d’Autunno”


Mentre fuori l’autunno si farà sentire noi apprezzeremo vini che sfidano il tempo.

Mercoledì 13 novembre 2019

La provenienza? Le varie zone? Le tecniche di cantina? Tutte da scoprire
Posso solo anticipare che saranno di grande spessore, “esclusive” ed adatte agli abbinamenti autunnali.

Assolutamente alla cieca!!!

Il costo, considerando le tipologie delle bottiglie (!!!) e i piatti che verranno serviti, è molto, molto, molto contenuto:
solo € 45.00

Mercoledì 13 novembre alle ore 20,45  presso Ristorante Europa, lungomare Europa 106, per vivere una serata Molto diversa.

Lo staff del ristorante  preparerà per noi un “primo” a sorpresa, un dessert e caffè.

Confermate la Vostra presenza prima possibile su cellulare 335 5717580, Messanger,  WatsApp (Urano Cupisti)

Grazie e a presto
Urano

P.S. partecipare alla cena non è obbligatorio. Chi non vuol rimanere e limita la partecipazione alla sola degustazione il costo è € 35,00.






mercoledì 30 ottobre 2019

La notizia del giorno


Recentemente Daniele Cernilli sul suo Doctor Wine ha affrontato “il problema Merlot” intitolando il suo pezzo “L’odiato Merlot”.



Di fatto è il vitigno più chiacchierato perché ritenuto pacione, ruffiano. E le “mode” ne hanno esaltato questi aspetti relegandolo a Vino di bassa lega.

Poi ci accorgiamo che nell’esaltare alcune etichette e i contenuti delle rispettive bottiglie notiamo che all’interno vi è Merlot 100%. Alcuni nomi?

Montiano, L’Apparita, Redigraffi, La Ricolma, Nambrot e il pluripremiato Masseto senza dimenticare il più famoso al mondo: Petrus.

Allora cari amici “intenditori di vini” come la mettiamo? Petrus anziché Masseto sono vini banali, ruffiani, marmellatosi?. 

Concludo questa breve analisi con il pensiero di Daniele:  accanto a vini mal fatti, che però esistono un po’ dappertutto e non derivano solo da merlot, ci sono dei veri fuoriclasse, vini “territoriali”, “originali”, e per nulla omologati. Chapeau!

Qui sotto l'articolo di Daniele Cernilli







lunedì 28 ottobre 2019

Borgogna: cosa è successo?




Cosa è successo?



I TOUR di
Vino una Passione – Fratellanza Enoica
by l’Eretico del Vino
in programmazione nell’anno 2020

BOURGOGNE

DAL 15 Marzo (Domenica) al 19 Marzo (Giovedì). Cinque giorni a “scorrazzare” su e giù per la Côte de Nuit e la Côte de Beaune per poi finire….(sorpresona!!!).

DAL 22 Marzo (Domenica) al 26 Marzo (Giovedì). Si ripete stesso Tour, stessi Domaine.
Cosa è successo?
È bastato parlarne che sono arrivate prenotazioni con acconti  senza conoscere l’itinerario, i produttori che visiteremo, il costo finale del tour. Tutto sulla fiducia. E la situazione attuale?

Due tour SOLD OUT.

Inizio a prendere i nomi di riserva nel caso che…qualcuno…
Tra qualche giorno cominceremo a svelare il Tour. Chapeau!!!