mercoledì 21 febbraio 2018

Vino: i grandi numeri





Allegrini si espande in Lugana 
con l'acquisizione di una proprietà di 40 ettari

Allegrini ha perfezionato l’acquisto di 40 ettari di terreno nella denominazione Lugana (nel Comune di Pozzolengo, in provincia di Brescia), che saranno vitati entro il 2018, e che si aggiungono ai 10 presi in affitto 3 anni fa a Desenzano, per una superficie totale di 50 ettari.

"Il nostro obiettivo - spiega Franco Allegrini - è quello di occupare, anche all’interno di questa denominazione, il segmento di alta qualità. È una denominazione che ci piace, non molto vasta (circa 1.000 ettari), non ci sono cantine sociali, e la competizione tra i produttori è indirizzata al segmento di alta qualità.
Quando tutti i vigneti saranno in produzione abbiamo stimato un potenziale di circa 400.000 bottiglie. Questo perché lavoreremo con rese per ettaro inferiori a quelle consentite dal disciplinare.
Ci misureremo con una nuova zona geografica, ma, forti dell’esperienza acquisita a Bolgheri con il nostro Solosole (Vermentino Bolgheri DOC), abbiamo le idee chiare del prodotto che ci prefiggiamo di ottenere".

“Il Lugana - aggiunge Marilisa Allegrini - è molto interessante, e può dare vini di spessore, intensità, complessità aromatica, e anche longevità. Questa è la tipologia, anche nei vini bianchi, in cui ci identifichiamo. Esportiamo l’85% della nostra produzione, il nostro obiettivo dunque non è produrre un vino d’annata di facile beva. Vogliamo che sia fisiologico ai rossi di nostra produzione (Amarone, Brunello di Montalcino e Bolgheri). 

La nostra ambizione è dunque quella di produrre un bianco importante e longevo. In questo investimento daremo una grande responsabilità ai nostri figli, che verranno coinvolti fin dall’inizio sia nelle decisioni operative che in quelle strategiche".

Fonte e Testo:
Marcello Scandola
Press Office
Corte Giara, Via Giare 5/11 37022 Fumane (VR) – Italy
Direct Phone +39.045.6832026
Mobile +39.340.5999124
e-mail marcello.scandola@allegrini.it

martedì 20 febbraio 2018

Oltrepò Pavese, nuovo assetto del Distretto del Vino





Distretto del vino di qualità dell’Oltrepò Pavese:

un nuovo assetto e nuovi programmi per il 2018.

 Importanti novità per il Distretto dell’Oltrepò Pavese che ha presentato un nuovo assetto di coordinamento ed un nuovo programma di sviluppo e promozione.

Nella riunione dei soci svoltasi ieri pomeriggio, infatti, sono state presentate due nuove figure professionali: Riccardo Gabriele, che assume la carica di coordinatore del Distretto e Armando Colombi, responsabile delle relazioni istituzionali.

«Abbiamo sentito la necessità di avere figure professionali che contribuissero alla crescita del Distretto e del Progetto Bonarda – spiega il presidente Fabiano Giorgi – e lavorassero per i rapporti tra le aziende e nel territorio con uno sguardo anche internazionale».

«Il nostro lavoro – dice Riccardo Gabriele – si orienterà su alcuni punti iniziali sui quali poggiare il percorso progettuale. Sicuramente partiremo da una maggiore presenza e coordinamento tra i soci per avere maggiore spinta propulsiva e dare loro tutto l’ausilio necessario sui temi della promozione. Sul piano della comunicazione andremo a valorizzare ogni singolo aspetto produttivo con un occhio alla storia di questo territorio. Intendiamo “esportare” la qualità del Distretto oltre i confini nazionali con eventi mirati nelle capitali culturali estere del vino».

Tra i temi anche i rapporti istituzionali e territoriali. «Un compito che riteniamo fondamentale – aggiunge Armando Colombi – . Siamo consapevoli che il Distretto necessita del suo territorio e che questo debba essere comunicato con maggiore attenzione e fatto percepire nei minimi dettagli».

L’attività del Distretto partirà fin da subito con alcune degustazioni mirate ed una serie di incoming verso influencer nazionali ed internazionali.

Armando Colombi, 42 enne, attuale direttore del Consorzio Club del Buttafuoco storico. Assaggiatore professionista di Onav pur essendo milanese di nascita, ormai è nell’Oltrepo da 12 anni.

Riccardo Gabriele, 43 anni, giornalista professionista e relatore pubblico professionista, è titolare dell’agenzia Pr Comunicare il vino che dal 2006 si occupa di comunicazione per aziende italiane ed internazionali.

 Per info: Riccardo Gabriele rg@pr-vino.it  p.ph 338 731 7637       






Incontri di Vini, avvicinamento al vino. Si parte il 26





Scuola di Vino a Febbraio/Marzo

Magazzino del Vino e Urano Cupisti

INCONTRI di…VINI
Sei incontri a partire da LUNEDÌ 26 FEBBRAIO 2018.
A chi sono rivolti?
Ai neofiti e non che, partecipando a tutti e sei incontri, riusciranno ad avere una conoscenza di base necessaria per comprendere il VINO o un “ripasso”che ogni tanto “serve”.

Come funzionano?
Saranno appuntamenti tematici ai quali seguirà la degustazione di vini (minimo tre) collegati al tema della serata.
1° incontro   Si parla di viticoltura e della storia del vino
2°incontro    Il vino non si beve soltanto, ma si osserva,
                      si annusa e si gusta. Come?
3°incontro    La cantina Italia
4°incontro    La cantina Francia e il suo “perlage”
5° incontro   Il giro del mondo in un bicchiere
6° incontro   Conclusioni per parlare di abbinamenti.

Gli incontri si svolgeranno in orario serale a partire dalle 20,30
Contatti:  0584 45581 e/o 335 5717580 (urano)      
                   mail: urano.cupisti@gmail.com                
partecipanti minimo 10 persone.

Costo complessivo dei 6 incontri € 90,00 (€ 15,00 a serata).  In ogni incontro è previsto:
  • l’assaggio di tre (minimo) vini scelti per la conoscenza del mondo enoico;
  • il buffet di Roberto;
  • le schede come “tracce base” per la conversazione, da raccogliere. Costituiranno un valido supporto da consultare sempre;                          
  • l’uso dei bicchieri per gli assaggi.
                                              
Le Date sono:
-         1) Lunedì          26/02
-         2) Giovedì       01/03
-         3) Lunedì          05/03
-         4) Lunedì          12/03
-         5) Giovedì        15/03
-         6) Lunedì          26/03

Sede degli incontri: Magazzino del Vino, via Vespucci ang via Rosmini, Viareggio.
Info: 0584 45581 e/o 335 5717580 (urano)

Solo per la serata dell’26 febbraio l’orario è anticipato dalle ore 20 in poi per permettere la registrazione e regolarizzazione dei partecipanti.

lunedì 19 febbraio 2018

Banco d'Assaggio del 22 febbraio






"VINO...UNA PASSIONE" - Fratellanza Enoica, ovvero
“ l’Officina sensoriale in movimento”

Vivere vere emozioni
Ristorante EUROPA
e
“VINO…una PASSIONE-Fratellanza Enoica
ovvero
“ l’Officina sensoriale in movimento”
Il Vino non si beve soltanto, si annusa, si osserva, si gusta, si sorseggia e…
se ne parla (anonimo)

Banchi d’Assaggio di

“VINO…una PASSIONE”

“Alla scoperta di vitigni poco conosciuti.
Quali?”

Bottiglie particolari che esprimono terroir diversi.

Giovedì 22 Febbraio
Sei (6) bottiglie di “vini eccellenti” a raccontare 6 terroir diversi che si confronteranno tra loro.
La provenienza? Da scoprire
Una serata particolare, come sempre ricercata, elegante e allo stesso tempo istruttiva.
Assolutamente alla cieca!!!

Il costo, considerando le tipologie delle bottiglie (!!!) e i piatti che verranno serviti, è molto contenuto:
solo € 40.00
sulla base di OTTO partecipanti.

GIOVEDÌ 22 Febbraio alle ore 20,30  presso il Ristorante “Europa” a Lido di Camaiore, lungomare Europa 106 (all’altezza di Piazza Umberto). Franca e il suo staff  prepareranno per noi un “primo” a sorpresa e un dessert.


Confermate la Vostra presenza prima possibile su cellulare 335 5717580, Messanger,  WatsApp (Urano Cupisti)

Grazie e a presto
Urano

P.S. partecipare alla cena non è obbligatorio. Chi non vuol rimanere e limita la partecipazione alla sola degustazione il costo è € 30,00. Ma perdere i primi “della Franca”….





Ed ecco un'altra: San Donato in Poggio








NASCE UNA NUOVA ASSOCIAZIONE DI PRODUTTORI NEL CHIANTI CLASSICO:

I VITICOLTORI DI SAN DONATO IN POGGIO

Si è costituita a San Donato in Poggio, presso la sede dello storico Palazzo Malaspina, l’associazione “Viticoltori di San Donato in Poggio”, presenti i soci fondatori: Stefano Carpaneto (Badia a Passignano), Paolo Paffi (Casa Emma), Alberto Albisetti (Castello della Paneretta), Sandro Caramelli (Fattoria La Ripa), Laura Bianchi (Castello di Monsanto), Riccardo Nuti (Fattoria Montecchio), Alessandro Cassetti Burchi (Le Filigare), Natascia Rossini (Podere La Cappella), Matteo Gambaro (Casa Sola), Vittorio Rossi (Fattoria Quercia al Poggio), Paolo De Marchi (Isole e Olena), Giampaolo Stefanelli (Fattoria Spadaio e Piecorto), Giovanni Davaz (Poggio al Sole).

La nuova associazione raggruppa aziende vitivinicole del territorio del Chianti Classico, nei comuni fiorentini di Tavernelle Val di Pesa e Barberino Val d’Elsa.

L’associazione nasce per dar voce a questo territorio, mettere in luce le caratteristiche geologiche e pedoclimatiche dei vigneti delle diverse aziende, valorizzare la tradizione agricola, storica e culturale, con particolare attenzione alle produzioni e alle identità vitivinicole.

L’Assemblea degli associati ha contestualmente nominato all’unanimità il Presidente, Laura Bianchi del Castello di Monsanto, e il Segretario, Natascia Rossini del Podere La Cappella.

La neonata Associazione si unisce così alle altre già costituite nel territorio del Chianti Classico (a Panzano in Chianti, Radda in Chianti, Castellina in Chianti, Castelnuovo Berardenga, Lamole (Greve in Chianti), Montefioralle (Greve in Chianti) e San Casciano Val di Pesa).


Foto al link:

https://www.dropbox.com/sh/5vklxpd44rdvsmg/AACNLUYw9eUJBLogoy7UmM8Ka?dl=0

Ufficio Stampa
Consorzio Vino Chianti Classico
Tel. 055 8228522 – 348 8278802

venerdì 16 febbraio 2018

Annata penta-tetra-tris stellata? Sono i numeri che contano






Benvenuto Brunello

Poi alla fine sono i numeri che contano. 

Valore stimato di 1 ettaro di terreno atto a vigna:  € 700.000

Come ogni anno Benvenuto Brunello rappresenta anche l’occasione per tirare le fila sull’andamento, in termini di produzione, export e fatturato, delle denominazioni di tutto il territorio montalcinese.

Chi è interessato alla raccolta dei dati questi sono quelli ufficiali pubblicati dal Consorzio:
 Il 2017 si presenta come un anno all’insegna della stabilità: confermato il dato sulle esportazioni, che si attesta sul 70% della produzione totale. A trainare il mercato sono i paesi target di USA (oltre 30%), seguiti da Europa (con UK, Germania e Svizzera in testa) al 20%, i mercati asiatici (Cina, Giappone, Hong Kong ecc.) che realizzano il 15%, il Canada (12%) e il centro e sud America (8%). Il restante 15% è occupato dagli altri mercati. 
Stabile anche la produzione: 9.010.369 le bottiglie di Brunello imbottigliate nel 2017 (0,65% in meno rispetto al 2016), e  4.617.384 quelle di Rosso (-0,34% rispetto all’anno precedente). 
Stabili anche Sant’Antimo (250mila bottiglie) e Moscadello (40.000 unità). 
In aumento rispetto all’anno scorso il giro d’affari del settore vitivinicolo a Montalcino, che quest’anno ammonta a 180 milioni di euro (erano 170milioni nel 2016).

Interessante è il dato del valore stimato di 1 ettaro di vigneto a Montalcino:
Si attesta sui 700.000 euro, con una rivalutazione, in appena mezzo secolo, del 4.405% (fonte Winenews).







giovedì 15 febbraio 2018

Quando un Vino si chiama Nobile...






ANTEPRIMA NOBILE DI MONTEPULCIANO: 
Vendemmia  2015


Eccoci alla terza Anteprima. Oggi ci troviamo a Montepulciano nelle splendida cornice della Fortezza. Un’annata interessante, la 2015, che ha caratterizzato la nostra degustazione di oggi.

Sempre Urano Cupisti, Riccardo Margheri e Paolo Valdastri ad assaggiare tutto, mentre il sottoscritto proprio nella città di Poliziano, stavolta non ha fatto solo le finali ma tutti i campioni.

La nostra Top ten quindi è comunque il risultato della comparazione dei nostri migliori.

Ecco la lista dei Nobile 2015

Bindella
Boscarelli
Fattoria della Talosa
Poliziano
Tre Rose “Santa Caterina”
Avignonesi
Cantina Chiacchiera
Dei

Selezione 2015

Bindella I Quadri
Fassati “Gersemi”


Riccardo Gabriele